logo
 
collane
 
Ebraismo e forme dell'arte
di Bassan Fiorella Carucci Viterbi Benedetto Gabizon Fiorella Quercioli Mincer Laura Zargani Aldo Quercioli Mincer Laura (curatore) Gabizon Fiorella (curatore)
Pagine: 140
Isbn: 978-88-95140-100
Prezzo: 14,00 euro

Descrizione: Quelle che, fino a pochi anni fa, venivano considerate “letterature con il trattino” (anglo-americana, anglo-canadese, anglo-indiana, ecc.), letterature di minoranza a volte importanti, ma sempre poste a margine del canone delle letterature nazionali, vi si rivelano oggi non solo pienamente inserite ma addirittura in posizione predominante. Non è un caso, quindi, che tale cammino sia stato accompagnato da un altro altrettanto importante progredire negli studi teorici e critici al punto che gli Jewish Studies, attivi ormai in tutte le principali università del mondo, debbono essere considerati tra gli aspetti più significativi della ricerca culturale contemporanea. In tal senso, Ebraismo e forme dell’arte, costituisce un punto di partenza e, allo stesso tempo, di arrivo. Di arrivo, in quanto si pone come un primo momento di sintesi del lavoro che, grazie soprattutto all’impegno delle curatrici, si sta portando avanti nelle Facoltà di Lettere e Filosofia e Facoltà di Filosofia di Sapienza – Università di Roma, a livello di corsi, seminari, colloqui scientifici e pubblicazioni; di partenza, in quanto il volume appare, sin dall’indice, seminale nel tentativo di comprendere e analizzare gli aspetti più variegati e complessi di un rapporto – quello tra ebraismo e arte – che è centrale e dirimente, accompagnandolo con una riflessione teorica che, per quanto “imperfetta”, chiarisce e fissa le coordinate di ogni futuro approfondimento. Temi quali quelli del Dibbuk, inteso come “misterium” dell’anima ebraica, della pittura in Polonia, dei riferimenti biblici nell’opera di Chagall, della scrittura creativa nel suo riferirsi alla musica e, particolarmente, della definizione (e, dunque, del significato) delle letterature ebraiche di lingua inglese e, giocoforza, delle letterature ebraiche in generale, pur nella loro apparente miscellaneità, appaiono al contrario strettamente interconnessi e costituiscono un mosaico complesso e articolato, in cui ogni tessera analizza un aspetto specifico e, allo stesso tempo, un unicuum importante e innovativo.

 
 
Umanistica Scientifica Link non attivo